giovedì 19 maggio 2011

torta paradiso per intolleranti al lattosio

Che mia mamma avesse un rapporto negativo con il latte e i latticini lo si sapeva da tanto, ma la sua intolleranza è rimasta presunta fino al risultato del "Breath Test"che finalmente si sono decisi a prescriverle. Mi chiedo perchè non saperlo prima?!? Massì suvvia, è perchè mia mamma è gggiovanee!!! Così ora il dato è certo e le restrizioni sono tante. Come costringerla a mangiare a colazione quelle 'cose' dietetiche pronte che definirle cibo è impossibile?!
Dunque è iniziata la sfida : 'Industriacasalinga' vs intolleranza al lattosio. Beh per carità, di dolci privi di lattosio ce ne sono tanti, a partire dal pan di spagna, passando dalle meringhe e continuando con i molteplici rollé di pasta biscuit. Ma evitando di sostituire il burro con la margarina, ingrediente al quale voglio dedicare un altro post, come fare una torta paradiso rispettando la rigorosa tabella che le hanno dato?! La soluzione mi è stata data al supermercato.

- Habibi ma lo sai che ti sei dimenticato di dirmi che oltre al latte, le mozzarelle e lo stracchino ora fate anche la panna da montare a basso contenuto di lattosio!?!
- La panna!? davvero? bah, sinceramente non lo sapevo..
- Beh c'è pure scritto che lo stabilimento di produzione è quello dove lavori tu.......
 sob....

Tralasciando questo discorso che mi ha lasciato carica di dubbi sulle giornate lavorative dell'Habibi, appena ho visto la panna l'ho subito immaginata che si agitava nella mia planetaria per farmi uscire una sofficissima torta che, con le palpebre sbattenti, avrei consegnato alla mammina. E avevo ragione, non poteva che essere altrimenti. Il risultato è stato così simile alla classica torta paradiso che se non avessi urlato ai quattro venti i poveri ingredienti di questa, nessuno se ne sarebbe accorto.  Adesso non mi resta che scoprire come fanno a diminuire il contenuto di lattosio, il quale viene si scisso in galattosio e glucosio, ma in che modo?!?!?

Ingredienti:
2 uova
200 gr zucchero
130 gr fecola
170 gr farina
250 gr panna con lattosio < 0,1 g
una bustina di lievito

Montate le uova con lo zucchero. Quando il composto sarà chiaro e spumoso aggiungete la panna (senza montarla!) alternandola a cucchiaiate di farina, fecola e lievito. Versate il tutto in una tortiera da 26 cm e cuocete a 180 ° per 30 min ca

Ora sto elaborando i biscotti..work in progress.. nel frattempo ci tengo a mostrarvi con onore il quarto scalino del podio sul quale sono saliti i miei pasticci di maccheroni facendomi 
vincere il premio "Menzione speciale" al contest di Pasticciona!!!
La ringrazio ancora moltissimo e spero che organizzi presto un nuovo contest dato che questo le è venuto proprio bene!

3 commenti:

  1. Quanto vorrei adesso una bella fetta di Paradiso ^__^ Questa versione con la panna mi fa idea che sia anche più leggera della classica col burro. Esperimento riuscitissimo epr la felicità della mamma ;) Un bacione

    P.S. ti copio-incollo quanto ho trovato sul latte delattosato.
    "Il latte delattosato viene ottenuto idrolizzando enzimaticamente il lattosio; attraverso un trattamento tecnologico ad enzima libero o ad enzima immobilizzato, il lattosio viene "scomposto" nei due monosaccaridi che lo costituiscono. Il latte delattosato diventa così più digeribile e dolce, poiché il lattosio ha un potere edulcorante inferiore rispetto ai singoli monosaccaridi che lo costituiscono."

    Il valore nutrizionale del latte senza lattosio è identico a quello tradizionale che abbia subito gli stessi trattamenti preliminari. Anche se U.H.T, deve comunque essere conservato in frigo per contrastare la reazione di Maillard (insieme complesso di reazioni che alterano le caratteristiche organolettiche dell'alimento).

    RispondiElimina
  2. Brava, in effetti di persone intolleranti al lattosio ce ne sono molte e bisogna pensare pure a loro; inoltre complimenti per la menzione speciale. un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
  3. Complimenti doppi: i primi per la menzione speciale grazie alla quale ho raggiunto il tuo blog ^_^ e il secondo per le delizie che sforni, adesso una fettina ci starebbe proprio bene, la coccola prima della nanna ;)
    A presto

    RispondiElimina