mercoledì 16 marzo 2011

semifreddo alla meringa

Uhm..la scelta di quale ricetta mettere dopo mesi di abbandono del blog mi sembra complicata. Potrei andare in ordine cronologico facendo così una carrellata di tutte quelle perse per strada da agosto ad oggi ma...comincio con questa, ho deciso!E' la prima torta da -18 che io abbia creato, la prima torta semifreddo per il compleanno del mio papà. Anche se è l'esperimento num 1, non è saltata fuori dal niente. In quel periodo c'era un corso, tenuto da un bravissimo Maestro gelatiere, che mi ha lasciata piacevolmente tentata. Il primo obiettivo da raggiungere era fare un dolce che prelevato dal freezer ad una temperatura non superiore a -18, fosse da tagliare e mangiare immediatamente. Quindi deponete il martello e lo scalpello.
Il secondo proposito era fare qualcosa che fosse alla mia altezza, quindi niente di speciale. Per incominciare a lavorare sui semifreddi, senza semilavorati, non c'era niente di più semplice che la torta meringata composta da pura meringa, italiana e francese. Nient'altro, a parte la panna. Quindi, il lato positivo di questo dolce è la semplicità degli ingredienti.
La nota dolente è che chi non ama i dolci, per vie di forza maggiore e non, questo semifreddo non lo può neanche guardare: 90% zucchero, non sto scherzando, un inno alle carie e una mazzata per i diabetici.

Ingredienti:
meringa francese da 3 albumi circa
125 gr panna montata

Meringa italiana: 30 gr albume
                          60 gr zucchero
                          10 gr acqua
                         
Preparate la meringa francese e formate tre dischi di meringa aiutandovi con la sac à poche, sulla teglia ricoperta di carta da forno ( il diametro dei cerchi è di 18 cm circa). Con la rimantente meringa formate delle meringhette che serviranno come decorazione. Cuocete a 80°C per un paio d'ore.
Preparate la meringa italiana amalgamando tutti gli ingredienti in un contenitore da microonde. Ponete il composto nel microonde e portatelo ad una temperatura di 80°C circa. Gli albumi a questa temperatura si pastorizzano ma non si cuociono in quanto lo zucchero e l'acqua alzano la temperatura di cottura di essi. Montate il composto in planetaria o con una frusta elettrica fino a quando sarà liscio, spumoso e abbastanza colloso. Prelevate 50 g di esso e mescolatelo alla panna montata (il resto si conserva bene in freezer in un contenitore con chiusura ermetica).
Passate alla composizione del dolce: ponete un primo disco di meringa francese alla base. Spalmate 1/3 di meringa italiana, coprite col secondo disco, date un secondo strato di pitt..ehm..meringa, posizionate l'ultimo disco di meringa e coprite la superficie con un velo di meringa italiana. Posizionate le meringhette sulla superficie del dolce alternandole a piccoli ciuffi fatti con la meringa italiana. Per rallegrare un po' il semifreddo aggiungete un cucchiaino di cacao in polvere alla meringa italiana e otterrete dei ciuffetti al cacao, ottimi per 'staccare' un po' dal solito gusto tuttozucchero della meringa. Certo è che si possono inserire anche un paio di scagliette di cioccolato tra uno strato e l'altro! Il tutto risulta molto più gustoso. Ponete il dolce in freezer per almeno mezza giornata. Ps:copritelo benissimo o si comporterà come il Glade Assorbiodori!

Nessun commento:

Posta un commento