sabato 5 dicembre 2009

baci di meringhette


Come si può notare per questa ricetta ho preso spunto dai 'baci di dama' poichè penso che le meringhe appartengano alla categoria dei 'piccoli dolci di complemento' e quindi ,come le 'lingue di gatto', vanno accostate a qualcosa sennò sembrano veramente insulse!il cioccolato non è l'unico ingrediente che mi è venuto in mente, ci starebbe bene anche la panna montata ma penso che così i golosi le apprezzino maggiormente. Ovviamente parlo di cioccolata fondente (con percentuale di cacao come minimo al 50 %) e non di nutella (che io aborro)!Le meringhe sembrano facilissime da fare,infatti necessitano di solo 2 ingredienti (tra cui l'albume d'uovo che spesso è in avanzo perchè molte ricette richiedono solo il tuorlo), ma devono essere montate a lungo affinchè il composto riesca ad essere facilemente inserito nella saccapoche con la quale poi si formeranno dei ciuffetti che dovranno rimanere 'composti' e non smontarsi subito.

Ingredienti:
per le meringhe il peso dello zucchero dev'essere il doppio del peso degli albumi.
io per 3 albumi (strappati gentilmente dalle mani di mia nonna che voleva buttarli via) che pesano circa 110 gr ho utilizzato 220 gr di zucchero extrafino (ma va benissimo anche lo zuzzhero al velo!).
50 gr cioccolato fondente

Mentre montate gli albumi con uno sbattitore elettrico unite piano piano lo zucchero a cucchiaiate. Quando il composto sarà liscio e lucido ma anche sodo a tal punto da vedere i 'segni' dei frustini dello sbattitore elettrico , allora potrà essere inserito nella saccapoche o in una normale siringa con la bocchetta a stella larga. Formate dei piccoli ciuffi sulla carta da forno e cuocete a 70/80 gradi finchè la superficie non sarà leggermente dorata e l'interno completamente asciutto (circa un'ora). Le meringhe necessitano si una cottura molto lenta poichè alla temperatura 'normale' da dolce (180 gradi) si brucia l'esterno mentre l'interno rimane umido.
Fondete a bagnomaria il cioccolato fondente e con un cucchiaino spolverizzate leggermente la base delle meringhette e unitele a due a due.



1 commento:

  1. Come non sostenere il blog di una giovane ragazza che cita nientepopodimeno che Marie-Antoine Carême? Un mare di auguri e benvenuta nella blogsfera!
    Sabrine

    RispondiElimina